senza titolo II

La materia è memoria (Bergson). Ma nell’epoca della globalizzazione tutto corre veloce, non c’è spazio per la memoria: anche l’odio, la violenza, il pregiudizio (la storia) sono soggetti all’omologazione che trasforma tutto in “notizia”, in obsolescenza.

L’opera riflette sull’alienante condizione di ostaggio.

“L’ ostaggio è lo stato della non-libertà

La materia è memoria (Bergson). Ma nell’epoca della globalizzazione tutto corre veloce, non c’è spazio per la memoria: anche l’odio, la violenza, il pregiudizio (la storia) sono soggetti all’omologazione che trasforma tutto in “notizia”, in obsolescenza.

L’opera riflette sull’alienante condizione di ostaggio.

“L’ ostaggio è lo stato della non-libertà che consiste, più ancora che nella privazione, nell’offesa della libertà. È più che la negazione individuale, che crea lo schiavo: l’ostaggio è la negazione della libertà universale…” G.C.Argan

che consiste, più ancora che nella privazione, nell’offesa della libertà. È più che la negazione individuale, che crea lo schiavo: l’ostaggio è la negazione della libertà universale…” G.C.Argan

SHARE
Categories

Squarci meccanici

Date

febbraio 20, 2017 6:02 pm

Author