Mammalucco

Sono calmo;
la mia voce è pacata.
Parlo piano per farmi meglio capire;
uso parole semplici per agevolare la tua comprensione.
Argomento il mio ragionamento ma non mi comprendi.
Le mie parole diventano suoni sordi per le tue orecchie.
Comincio dal principio,
ripeto i concetti.
Mi sforzo di essere ancora più chiaro ma, niente!
È assente la tua ragione, latita il tuo intelletto.
 
Adesso l’ira avvolge il mio pensiero,
la mia parola diviene urlo.
Ottuso, ottuso!
Vorrei entrare nel tuo cervello
ascoltare l’eco delle mie parole:

ottuso…uso…uso!

SHARE
Categories

7 Vite

Date

febbraio 20, 2017 3:13 pm

Author